Porta Bab Mansour

 

4 febbraio 2010 Siamo partiti  per Fez alle 10.20 con Ryanair da Bergamo grazie a un’ottima tariffa di soli 10 €. Atterriamo in orario. Dopo aver fatto dogana abbiamo preso il bus per la stazione al costo di 20 dhr. In circa 30 minuti arriviamo alla gare de Fes. Il tempo è un pò piovoso. Abbiamo 30 minuti circa  per il primo treno per Meknes e facciamo i biglietti di prima classe al costo di 60 dhr. Il treno è puntualissimo e pulito dopo circa 40 minuti di attraversamento di campagne verdi con villaggetti, pecore,ulivi, palme arriviamo a Meknes. Alla stazione  prendiamo un petit taxi per 15 dhr e arriviamo al nostro Riad Yacout (Internet free) bellissimo prendiamo possesso delle camera molto bella pulita e profumata (147 € due notti). Decidiamo di visitare Meknès partendo dalla piazza El-Hedim e la porta . Quindi ci immergiamo nel suk  tra spezie, biscotti, olive, tappeti, tutto quello che può offrire l' artigianato marocchino e dopo circa un’ora e mezza di giro e rifiuti vari di visitare negozi, il detto marocchino è '' guardare non costa nulla'', andiamo a visitare il Mausoleo di Moulay Ismail.

Dopo un giretto attorno alle mura ci ritiriamo per programmare la cena, decidiamo di andare a mangiare nella piazza in un ''ristorantino tipico'' in cui è consiglia carne grigliata

5 febbraio 2010 Colazione alle 8 (non male) a base di crepes marocchine e burro e marmellata. La giornata non è male quindi decidiamo di andare a Volubilis. Alla stazione degli autobus ne prendiamo uno diretto a Moulay Idris (8 dhr a testa) e dopo circa un’ora di viaggio (esperienza da provare ) arriviamo alla cittadina dove prendiamo un petit taxi ( 30 dhr) che ci porta alle rovine di Volubilis(ingresso 10 dhr a testa). Rimaniamo ben impressionati dalle rovine ma sopratutto dai numerosi mosaici ben conservati dopo circa un’ora e mezza usciamo e  ci avviamo a piedi per il ritorno.  Dopo un paio di km riusciamo ad avere  un passaggio da un petit taxi (10 dhr) e andiamo a fare il giro della città di Moulay Idris. Ci accompagna una guida improvvisata che per 5 dhr ci porta a vedere i punti principali della cittadina come il minareto cilindrico unico in Marocco e una bellissima vista dall’alto del villaggio dove vediamo anche il Mausoleo, uno delle mete più sacre al mondo musulmano dopo Medina e la Mecca.

 

Volubilis

Moulay Idris

 

Quindi attraversiamo il mercato e riprendiamo il bus (8 dhr a testa) per tornare a Meknès. Arriviamo dopo circa 50 minuti rientriamo nel riad per un piccolo spuntino...dopodiché decidiamo di visitare il museo Dar Jamai  (10 dhr a testa ) che merita più per il palazzo in stile che per quello che contiene e la madrasa Bou Inania (10 dhr a testa).  Un ultimo giro attorno alle mura della città verso il palazzo reale e i granai di Moulay Ismail. Cena in un ristorantino tipico dove mangiamo zuppa, insalata, tagine, spiedini al costo di 150 dhr, poi a letto stanchissimi.

6 febbraio 2010 Colazione alle 8 poi prendiamo un petit taxi (10 dhr)  che ci porta alla stazione per prendere il treno  per Rabat (130 dhr seconda classe). Dopo circa due ore e mezza arriviamo alla capitale e ci dirigiamo al nostro hotel il Pietri (213 € 3 notti) prendiamo possesso delle camere. Usciamo e percorriamo il viale di Mohammed V che ci porta nella medina dove entriamo e facciamo uno spuntino a base di sandwich di carne e verdure. Giriamo tutta la Medina fino ad arrivare sul mare molto mosso con onde di circa 10 metri che si infrangono sulla costa, un vero spettacolo. Da lì arriviamo alla casba degli Oudaia dove rimaniamo colpiti dalla bellezza delle viuzze strette e colorate, con angoli bellissimi fino a raggiungere i giardini andalusi. Usciamo e ci re immergiamo nella medina fino ad arrivare alla torre Hassan, minareto di ciò che resta di una vecchia moschea del XII secolo accanto alla quale è stato costruito il Mausoleo di Mohammed V.

 

Casba degli Oudaia

Poi  rientriamo in hotel e ci prepariamo per la cena. Decidiamo di ritornare in Medina e  mangiare una bella frittura di pesce (70 dhr) quindii sazi e soddisfatti torniamo on hotel e andiamo a nanna..

Moschea Hassan II

 

7 febbraio 2010 Dopo la colazione ci dirigiamo in stazione per prendere il treno per Casablanca (35 dhr a testa). A poco più di un km di distanza  si trova la Moschea Hassan II, la più grande di tutto il Marocco e l’unica visitabile da nn musulmani. E’ veramente imponente grazie anche al suo minareto di oltre 200 m di altezza. Il biglietto (120 dhr a testa) non è a buon mercato ma permette la visita guidata di un’ora all’interno della moschea. L'interno è altamente tecnologico con  il pavimento riscaldato il tetto apribile per far circolare l'aria. Le rifiniture in marmo, legno e stucco sono pregevoli. Al piano inferiore c’è la sala delle abluzioni e l'hammam. Terminata la visita facciamo un giro verso il centro della città tra l’altro tenuta male e molto sporca purtroppo. Dopo uno spuntino (shawarma 20 dhr), attraversiamo il mercato e andiamo alla stazione per tornare a Rabat (35 dhr a testa). Una volta tornati alla capitale decidiamo di vistare l’esterno del palazzo reale.

 All’interno delle mura ci fanno entrare solo dopo averci requisito i passaporti (che ci ridaranno poi all'uscita). I giardini e ville che lo circondano sono tutte sorvegliare da militari....usciti camminiamo lungo le mura dove ritorniamo in hotel. Andiamo a cena in medina in un localino dove servono panini ripieni con fegato cipolle salsicce....buonissimo (25 dhr ). Ci dissetiamo con un ottimo succo di zucchero di canna spremuto al momento e per finire compriamo un paio di dolcetti tipici alle mandorle come dessert. Torniamo in hotel e a dormire.

8 febbraio 2010 oggi piove!!!!!!! Dopo colazione prendiamo il treno per Salé (20 dhr) ma dopo un giro per la Medina e il souk sotto l’acqua decidiamo di andare a visitare il centro artigianale El-Oulja, appena fuori dal paese. Lì troviamo veri e propri artisti che lavorano vasi , tajine , piatti… così approfittiamo dei prezzi veramente modesti per acquistare qualcosa di tipico, quindi torniamo a Rabat per finire il giro della Medina e di nuovo alla torre Hassan. Torniamo lì per cena a base di zuppa e panini con l'immancabile succo di zucchero di canna e dolcetto preso dalle bancarelle (34 dhr).

 

Torre Hassan

Madrasa Bou Inania

 

9 febbraio 2010 Dopo colazione lasciamo la stanza e andiamo in stazione per treno per Fes (prima classe 240 dhr); dopo circa 3,10 ore e un piccolo incidente di percorso (un uomo mentre saliva sul treno in corsa è caduto battendo la testa, fortunatamente senza troppi danni)  arriviamo a Fes dove ci aspetta il tassista del riad Lune et Soleil (160 € due notti). Prendiamo possesso della camera e rimaniamo piacevolmente sorpresi della bellezza della nostra suite. Il tempo non è il massimo, ma  usciamo lo stesso per fare un primo giro in Medina dove facciamo uno spuntino (20dhr) e giriamo per il souk. Dopo aver gironzolato qualche ora visitiamo la madrasa Bou Inania (10 dhr a testa) molto bella poi ci dirigiamo verso la parte alta di Fes dove si gode una ottima vista dall'alto della medina e dopo qualche foto panoramica rientriamo in riad. Ceniamo nella medina (20 dhr).

10 febbraio 2010 La colazione è veramente ottima, a base di crepes marocchine, marmellate, formaggio olive, spremuta d’arancia e caffè. Dopo aver valutato il giorno prima che non è poi così difficile girare da soli il souk decidiamo di prendere una guida ufficiale (100 dhr) solo per visitare le concerie. Ci porta all’inerno di un negozio di pelli che ha la terrazza che si affaccia sulle concerie stesse. Si possono osservare le varie fasi di lavorazione della pelle, dalla pulizia alla tintura con prodotti rigorosamente naturali. Il forte odore viene limitato da un rametto di menta offertoci dal padrone del negozio. La guida vuole portarci anche nel quartiere andaluso e dopo averci fatto attraversare l’intera medinaci lascia in prossimità di una porta. Grazie anche ai numerosi cartelli che segnalano i vari percorsi turistici nel souk riusciamo a tornare da dove siamo venuti. Nel pomeriggio proviamo l'esperienza dell'hammam giusto per rilassarci per un paio d’ore, dopodiché rientriamo in riad e andiamo a cena in Medina (10 dhr ).

 

Concerie

11 febbraio 2010 Dopo la colazione alle prendiamo un taxi (8 dir) che ci accompagnerà in stazione. Da lì proseguiamo col bus n. 16 per l’aeroporto (7dhr).Un pò di ritardo causa neve arriviamo a Bergamo.